Ricorso ABF: tante le controversie sulla cessione del quinto Tutelaconsumatore | Tutelaconsumatore

Ricorso ABF: tante le controversie sulla cessione del quinto

ricorso abf cessione del quinto 27 Giu

Ricorso ABF: tante le controversie sulla cessione del quinto

Ricorso ABF: il 73% delle controversie nel 2017 si riferisce alla cessione del quinto

Il ricorso ABF nasce per tentare di risolvere, senza passare per i tribunali, le controversie che possono sorgere tra banche/società finanziarie e consumatori. Nel 2017, il numero dei ricorsi si è attestato intorno alle 30.000 unità, quasi il doppio rispetto al 2016. Ciò grazie anche ai nuovi collegi di Bari, Bologna, Palermo e Torino che hanno consentito lo snellimento delle pratiche dei collegi di Roma, Milano e Napoli.

Il 77% dei ricorsi si è concluso con esito positivo per il consumatore. Nel 47% dei casi le richieste del consumatore sono state in parte o totalmente accolte. Nel 30% dei casi le parti sono riuscite a raggiungere un accordo. Più di 22.000 ricorsi, il 73% del totale, ha avuto per oggetto la cessione del quinto dello stipendio o della pensione. In particolare, ci riferiamo ai casi in cui un cliente estingue anticipatamente la cessione e richiede il rimborso dei costi già sostenuti ma non goduti.

Oltre il 99% degli intermediari tende a rispettare le decisioni pronunciate dall’Arbitro Bancario Finanziario. Circa i due terzi dei ricorsi relativi alla cessione del quinto sono stati presentati da uomini. La maggior parte dei ricorsi si riferisce a contratti stipulati prima delle comunicazioni inviate da Banca d’Italia nel 2009 e nel 2011. Rispetto allo scorso anno è, però, cresciuta la percentuale di richieste di ricorsi per contratti sottoscritti anche dopo i 2011.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *