Per Eurostat in Italia ci sono pochi dipendenti pubblici Tutelaconsumatore | Tutelaconsumatore

Per Eurostat in Italia ci sono pochi dipendenti pubblici

eurostat dipendenti pubblici 25 Lug

Per Eurostat in Italia ci sono pochi dipendenti pubblici

Secondo Eurostat, dal 2000 al 2016 la percentuale di dipendenti pubblici sarebbe progressivamente diminuita

Per Eurostat la percentuale di dipendenti pubblici in Italia è tra le più basse d’Europa. Secondo l’ufficio statistico dell’Unione Europea, nel 2016 in Italia la percentuale di dipendenti pubblici sul totale degli occupati era del 14%. Tale valore è al di sotto della media Ue, fissata al 16%. Preoccupa anche il fatto che dal 2000 al 2016 vi sia stata una tendenza alla diminuzione di dipendenti pubblici nel nostro paese.

Fanno parte di questa categoria le forze armate e gli impiegati pubblici a livello nazionale, regionale e locale. L’ufficio statistico Ue precisa, però, che vi possono essere importanti differenze tra i diversi Stati membri in merito all’inclusione o meno nella categoria di dipendenti pubblici di determinate professionalità.

Dall’inizio del nuovo millennio fino al 2016, oltre che in Italia, la percentuale di dipendenti pubblici è diminuita in Regno Unito ed in Slovacchia. Al contrario, tale percentuale è cresciuta in Romania, Ungheria e Slovenia. Nel 2016 i valori più alti sono stati registrati in Svezia dove, sul totale degli occupati, ben il 29% lavora nel settore pubblico. In Germania, invece, i valori più bassi (10%).

Secondo le cifre rilevate nel 2014, il salario medio mensile lordo nei comparti della Pubblica Amministrazione e della Difesa in Italia (2.612 euro) risulta più alto rispetto alla media europea (2.600 euro).

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *