Differenza tra cessione del quinto e prestito personale Tutelaconsumatore | Tutelaconsumatore

Differenza tra cessione del quinto e prestito personale

cessione del quinto e prestito personale 8 Feb

Differenza tra cessione del quinto e prestito personale

Cessione del quinto e prestito personale sono due forme di finanziamento accomunate dal fatto di concedere liquidità da restituire con rate mensili a tasso fisso

Cessione del quinto e prestito personale. Sarebbe un grave errore pensare che siano la stessa cosa. Sicuramente, gli aspetti in comune tra le due tipologie di finanziamento non mancano. E’ importante, però, conoscerne anche le differenze in modo da scegliere, a seconda delle esigenze, il prodotto di cui si ha bisogno.

Il primo aspetto da approfondire concerne il target cui si rivolgono. La cessione del quinto, da questo punto di vista, si rivolge ad un target, per così dire, maggiormente di nicchia. Pensionati e lavoratori a tempo indeterminato presso aziende private, enti pubblici o statali rappresentano il pubblico ideale della cessione del quinto. Ciò perché la cessione funziona attraverso la trattenuta del 20% sulla pensione o sulla busta paga.

La cessione del quinto può, inoltre, essere concessa anche a soggetti protestati o che, in passato, hanno avuto disguidi bancari. Del resto, la principale garanzia della cessione è offerta proprio dal reddito del dipendente o del pensionato. La banca richiede solo un’ulteriore forma di garanzia. L’istituto di credito, infatti, per tutelarsi dal rischio vita del cliente, gli fa sottoscrivere una polizza assicurativa.

Il prestito personale, invece, spesso e volentieri, richiede la presenza di un ulteriore soggetto fisico che faccia da garante al finanziamento. Questo accade soprattutto quando il beneficiario non possiede tutti i requisiti per accedere al finanziamento. La polizza assicurativa può essere richiesta dal cliente ma in un prestito personale non è obbligatoria.

Differenze negli importi

Anche dal punto di vista degli importi vi sono delle differenze tra prestito e cessione. Solitamente, con un prestito personale non si riesce ad ottenere più di € 30.000,00. Con la cessione, invece, è possibile ottenere anche qualcosa in più.

Come avviene il rimborso

La cessione del quinto si può estendere fino ad un massimo di 10 anni. Il prestito personale, genericamente, ha una durata più breve, stimata al massimo in 7 anni. Nella cessione la rata ha un limite perché, come visto, non può superare un quinto della pensione o dello stipendio. Tali limiti sono assenti, invece, nel prestito personale.

Dunque, sotto questo aspetto, la cessione del quinto presenta minori rischi di indebitamento per il cliente ed è più comoda perché la rata viene trattenuta direttamente sulla pensione o sullo stipendio. Quindi, il beneficiario non deve occuparsene in prima persona. Invece, con un prestito personale il cliente si assume l’impegno di versare la rata. In caso di dimenticanze o di ritardi il rischio è di essere segnalati in banca dati.

Leggi anche la differenza tra cessione del quinto e delega.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *